......................................................Immagine

Ikea

Eventi, Notizie, Offerte. Lavoro, Sociale
Avatar utente
Marsan 2.0
Messaggi: 7604

Re: Ikea

Messaggio#46 » venerdì 19 febbraio 2016, 10:24

il Battini, di'o

Avatar utente
Vittu
Messaggi: 2082

Re: Ikea

Messaggio#47 » venerdì 19 febbraio 2016, 15:23

Ikea fa caa. Ma c'ha liberato dai nani da giardino. E quindi viva Ikea!
PETRONI VATTENE

Avatar utente
lulliotravallio
Messaggi: 3770

Re: Ikea

Messaggio#48 » venerdì 19 febbraio 2016, 17:12

Vittu ha scritto:Ikea fa caa. Ma c'ha liberato dai nani da giardino. E quindi viva Ikea!


Dagli AC/DC??
"E se la città, dottor Gravina, le chiedesse di fa la fine di si pà..." ("Le domande mai fatte di Aldorzini" Strozzini Editore)

Avatar utente
Marsan 2.0
Messaggi: 7604

Re: Ikea

Messaggio#49 » sabato 20 febbraio 2016, 10:37

Maiale, Vittu, ma proprio te che ti occupi di percezioni mi vai adenigrà i nani da giardino, da sempre conforto infinito per chi torna a casa la sera

Avatar utente
djakomo
Messaggi: 1193

Re: Ikea

Messaggio#50 » domenica 21 febbraio 2016, 23:15

Mah, io senza l'Ikea non sarei riuscito a comprarmi più di un materasso e di un fornello da cucina.
Sarà anche roba non pregiata ma da 5 anni mi permette di dormire, mangiare, tenere su libri.
Caare no, i sanitari in casa c'erano già
Non potete pagarmi tanto poco quanto poco io possa lavorare (anonimo jugoslavo)

Avatar utente
Quarto podere
Messaggi: 3334

Re: Ikea

Messaggio#51 » lunedì 22 febbraio 2016, 13:44

Quindi caro Brace , se cerchi solidarietà sappi che essa è stata immolata sull'altare del risparmio.
"La vita è una metafora della vita" (Q.Podere)

Avatar utente
Marsan 2.0
Messaggi: 7604

Re: Ikea

Messaggio#52 » martedì 23 febbraio 2016, 10:47

è vero che Ikea ha fatto sì che un certo squallore nell'arredo medio venisse mitigato da un design più fresco, però è anche vero che è tutta roba di truciolato: disegnato bellino, ma pur sempre truciolato.

ma anche qui si ritorna al solito punto: tra i problemi della crisi, specie in Toscana, c'è l'incapacità delle piccole e medie imprese di rinnovare processi produttivi e prodotti, nel tempo. Questo vale anche per il settore del legno e del mobilio: io capisco che fare una credenza di massello, con le ante spesse 10 cm, alta 3 metri e larga 7 sia più apprezzabile di costruire un mobiletto del kaiser...ma dé, oltre al mercato del lusso (visto che poi costano un'esagerazione, i mobili tradizionali fatti a mestiere) forse era meglio cominciare a costruire dù canterali più piccini, magari non mega-rifiniti ma accessibili a un pubblico più ampio

Avatar utente
lulliotravallio
Messaggi: 3770

Re: Ikea

Messaggio#53 » martedì 23 febbraio 2016, 14:53

C'è da dì, caro marsan, che ir Pardossiano urtimamente ti ci spenge fisso.
Un l'avevo mai visto così marmostoso....ma che n'hai fatto deh?
"E se la città, dottor Gravina, le chiedesse di fa la fine di si pà..." ("Le domande mai fatte di Aldorzini" Strozzini Editore)

elwood

Re: Ikea

Messaggio#54 » martedì 23 febbraio 2016, 14:58

Marsan 2.0 ha scritto:è vero che Ikea ha fatto sì che un certo squallore nell'arredo medio venisse mitigato da un design più fresco, però è anche vero che è tutta roba di truciolato: disegnato bellino, ma pur sempre truciolato.

ma anche qui si ritorna al solito punto: tra i problemi della crisi, specie in Toscana, c'è l'incapacità delle piccole e medie imprese di rinnovare processi produttivi e prodotti, nel tempo. Questo vale anche per il settore del legno e del mobilio: io capisco che fare una credenza di massello, con le ante spesse 10 cm, alta 3 metri e larga 7 sia più apprezzabile di costruire un mobiletto del kaiser...ma dé, oltre al mercato del lusso (visto che poi costano un'esagerazione, i mobili tradizionali fatti a mestiere) forse era meglio cominciare a costruire dù canterali più piccini, magari non mega-rifiniti ma accessibili a un pubblico più ampio



vieni, giorgetto giugiaro della mobilia

Avatar utente
Marsan 2.0
Messaggi: 7604

Re: Ikea

Messaggio#55 » martedì 23 febbraio 2016, 16:33

sì oh, ascolta: quando babbo-Stato distribuiva i soldi a pioggia e a cazzo di cane, fino agli anni '90, invece che comprarcisi il macchinone e andà alle mardive, forse, i nostri magici imprenditori avrebbero potuto fà du investimenti per il futuro...questo vale per tutte le PMI, in Italia. Poi volendo c'è anche il problema delle nuove generazioni, ossia il mancato ricambio di chi le imprese le ha messe su, dirigendole con piglio battiniano.

elwood

Re: Ikea

Messaggio#56 » martedì 23 febbraio 2016, 18:01

Niente gli è scoppiata la vena imprenditoriale.
Comunque ha ragione.
La gestione del Palapotta è un fulgido esempio di come, anche in periodi di grisi, si possano fa vaini a palate.
Essenziale peró, per fare impresa, rimane la presenza della potta.

Avatar utente
Quarto podere
Messaggi: 3334

Re: Ikea

Messaggio#57 » martedì 23 febbraio 2016, 18:12

"A me piacciono i mobili di rovere. Li ho in camera da letto. Jimmy, tu che ne pensi? Ti piace il rovere? "
"Il rovere è bello. "
"La vita è una metafora della vita" (Q.Podere)

Avatar utente
Marsan 2.0
Messaggi: 7604

Re: Ikea

Messaggio#58 » martedì 23 febbraio 2016, 18:31

guarda Brace, ne saranno sicuramente arrivati meno in Toscana che non in Veneto (regione bianca) o in Lombardia, per non parlare del Sud: quando dico "a pioggia" intendo "non vincolati", ma soltanto contributi a fondo perduto, Per pochi o tanti che fossero, sicuramente, non sono stati quasi mai investiti in ottica futura. Ho lavorato 3 anni all'istituto regionale per la programmazione economica della toscana (Irpet), dal 2003 al 2006: la dimensione d'impresa e l'assenza di investimenti in innovazione hanno tranciato le gambe ai distretti industriali toscani

Avatar utente
Marsan 2.0
Messaggi: 7604

Re: Ikea

Messaggio#59 » martedì 23 febbraio 2016, 19:26

no, non si poteva fare concorrenza alla grande distribuzione: ma fare un po' più di fusione d'impresa sì, quello sarebbe stato necessario per sopravvivere, non dico per prosperare. Comunque, il target dei prodotti non può diventare una nicchia di consumatori sempre più ridotta e, spesso, sempre più ricca.
non c'è stata molta capacità di staccarsi dalla propria tradizione, una cosa peraltro comprensibilissima ma alla fine dannosa

elwood

Re: Ikea

Messaggio#60 » martedì 23 febbraio 2016, 20:05

Non è possibile ragionare di impresa in un paese dove il primo a non pagarti è lo stato e il primo a volere i vaini, anche quando non gli spettano, è sempre lo stato.

Torna a “PISA E PROVINCIA”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti