Il Muro Cinematografico

argomenti liberi e off topic a volontà
Rispondi
Avatar utente
Meo76
Messaggi: 3167
Iscritto il: martedì 29 luglio 2014, 11:34

Re: Il Muro Cinematografico

Messaggio da Meo76 » venerdì 28 novembre 2014, 11:24

clau ha scritto:
Meo76 ha scritto:
clau ha scritto:Ma l'ultimo di Paolo Ruffini non l'ha visto nessuno? Ne parlano tutti bene!
Tutti i cerebrolesi forse. Ho letto alcune recensioni che dicono si tratti di uno dei film più brutti di sempre e non mi stupisco. Però non l'ho visto e mai lo farò.
Via, la prossima volta ci metto una faccina :D
ah, meno male :D

Avatar utente
Vittu
Messaggi: 2088
Iscritto il: giovedì 30 gennaio 2014, 19:37

Re: Il Muro Cinematografico

Messaggio da Vittu » sabato 29 novembre 2014, 1:20

PETRONI VATTENE

Avatar utente
djakomo
Messaggi: 1228
Iscritto il: giovedì 16 gennaio 2014, 17:18

Re: Il Muro Cinematografico

Messaggio da djakomo » giovedì 11 dicembre 2014, 16:53

Visto ieri Good Vibrations.
Hm.
Scorrere scorre bene. Però è un po' una collezione di passaggi già sfruttati. Peccato perché l'idea di parlare della scena musicale (il punk in particolare) nella Belfast dilaniata degli anni '70 era ottima. La cosa bella del film è che ti fa capire come davvero la musica possa essere un collante micidiale in certe generazioni. Però dè, se avesse messo a fuoco il vero contesto invece che perdersi nelle solite avventure del protagonista sarebbe stato meLLio...

Poi avevo visto The look of silence. Bello, ma il fenomenale The act of killing (che lo precede logicamente) era un'altra cosa
Non potete pagarmi tanto poco quanto poco io possa lavorare (anonimo jugoslavo)

Avatar utente
Odino
Messaggi: 8073
Iscritto il: mercoledì 15 gennaio 2014, 17:46

Re: Il Muro Cinematografico

Messaggio da Odino » lunedì 15 dicembre 2014, 11:41

Mi rendo conto di star per dire una banalità ma nell'ultimo periodo mi son riguardato la trilogia del dollaro di Sergio Leone. E leva veramente tre passi di culo. Anche quattro.

Avatar utente
Odino
Messaggi: 8073
Iscritto il: mercoledì 15 gennaio 2014, 17:46

Re: Il Muro Cinematografico

Messaggio da Odino » martedì 16 dicembre 2014, 23:35

Stasera ho ceduto alla tentazione e sono andato a vedere "Lo Hobbit III". Io Guillermone del Toro lo stimavo, così come Peter Jackson. Questo l'han toppato peso :\

Avatar utente
Marsan 2.0
Messaggi: 7604
Iscritto il: giovedì 16 gennaio 2014, 15:04

Re: Il Muro Cinematografico

Messaggio da Marsan 2.0 » mercoledì 17 dicembre 2014, 11:12

Odino ha scritto:Stasera ho ceduto alla tentazione e sono andato a vedere "Lo Hobbit III". Io Guillermone del Toro lo stimavo, così come Peter Jackson. Questo l'han toppato peso :\

quello è un genere che non tollero, fin da bambino: un ho mai 'apito perché ci devono avè dei nomi così arzigogolati

Avatar utente
Odino
Messaggi: 8073
Iscritto il: mercoledì 15 gennaio 2014, 17:46

Re: Il Muro Cinematografico

Messaggio da Odino » mercoledì 17 dicembre 2014, 11:24

Marsan 2.0 ha scritto:
Odino ha scritto:Stasera ho ceduto alla tentazione e sono andato a vedere "Lo Hobbit III". Io Guillermone del Toro lo stimavo, così come Peter Jackson. Questo l'han toppato peso :\

quello è un genere che non tollero, fin da bambino: un ho mai 'apito perché ci devono avè dei nomi così arzigogolati
Perché se gli levi quelle arzigogolature lì resta solo la storia. Che, tipicamente, è "noi siamo buoni, voi siete cattivoni, picchiamoci un paio d'ore e tanto si vince sempre noi, tiè!". Non proprio il massimo della vita, insomma.
Però la trilogia del Signore degli Anelli, sempre in questa categoria, m'era piaciuta, secondo me era anche meglio del libro (verrò bruciato per eresia). Quella de Lo Hobbit mah. Accidenti a me che 2 su 3 l'ho pure guardati al cinema :oops:

Avatar utente
frullino
Messaggi: 68
Iscritto il: domenica 26 gennaio 2014, 16:20

Re: Il Muro Cinematografico

Messaggio da frullino » domenica 21 dicembre 2014, 22:48

Odino ha scritto:
Marsan 2.0 ha scritto:
Odino ha scritto:Stasera ho ceduto alla tentazione e sono andato a vedere "Lo Hobbit III". Io Guillermone del Toro lo stimavo, così come Peter Jackson. Questo l'han toppato peso :\

quello è un genere che non tollero, fin da bambino: un ho mai 'apito perché ci devono avè dei nomi così arzigogolati
Perché se gli levi quelle arzigogolature lì resta solo la storia. Che, tipicamente, è "noi siamo buoni, voi siete cattivoni, picchiamoci un paio d'ore e tanto si vince sempre noi, tiè!". Non proprio il massimo della vita, insomma.
Però la trilogia del Signore degli Anelli, sempre in questa categoria, m'era piaciuta, secondo me era anche meglio del libro (verrò bruciato per eresia). Quella de Lo Hobbit mah. Accidenti a me che 2 su 3 l'ho pure guardati al cinema :oops:
io invece piucchealtro non ho mai capito l'accostamento della saga con l'ideologia di destra.

Avatar utente
Marsan 2.0
Messaggi: 7604
Iscritto il: giovedì 16 gennaio 2014, 15:04

Re: Il Muro Cinematografico

Messaggio da Marsan 2.0 » lunedì 22 dicembre 2014, 14:17

Frullino, eri rinchiuso nel cineplex?

Avatar utente
frullino
Messaggi: 68
Iscritto il: domenica 26 gennaio 2014, 16:20

Re: Il Muro Cinematografico

Messaggio da frullino » martedì 23 dicembre 2014, 19:25

Marsan 2.0 ha scritto:Frullino, eri rinchiuso nel cineplex?
Perchè? scusi ma non la seguo. :mrgreen:

Avatar utente
Cholo
Messaggi: 1513
Iscritto il: venerdì 14 febbraio 2014, 23:10
Località: Boadilla del Monte, Madrid

Re: Il Muro Cinematografico

Messaggio da Cholo » venerdì 26 dicembre 2014, 11:51

Ieri finalmente ho beccato alla tele un film di Natale alternativo rispetto ai vari Dickens, Disney & co: “Robin Hood” con Russell Crowe, non proprio una novità (2010) ma non l’avevo ancora visto…

L’attore per me, appassionato di film storici, era una garanzia, dall’antologico “Il Gladiatore” fino al navigato “Master and commander” (dove accompagna un giovane Charles Darwin nelle sue prime scoperte). Il suo Robin Hood però, a livello d’azione, non porta niente di nuovo, anche se l’interpretazione della storia è alquanto originale. Da entrambi questi punti di vista, il massimo per me rimane “King Arthur” con Clive Owen: scene d’azione di un altro livello e soprattutto Artù e i suoi cavalieri che vengono presentati con una teoria sulla loro origine a dir poco curiosa.

Da segnalare

• di buono: la presentazione in chiave socialista di un Robin Hood che vuole promuovere la firma da parte del re di una carta dei diritti di ogni individuo inglese (ciò che nella realtà sarà poi la Magna Carta) e che realizza una comunità dove tutti possono vivere “né ricchi né poveri”;

• di meno buono: l’accento del buon Crowe che, per quanto ci provi, dà una caratterizzazione irlandese al personaggio che sinceramente, col senso d’appartenenza tipically British degli isolani d’oltremanica, proprio un c’incastra una se*a! Anche lì si nota come Owen sia moooooolto più adatto a un film del genere…
ADELANTE PISA

Rispondi